sabato 22 agosto 2009

Voluttà

(Opera di Zdzislaw Beksinski)

In vana bruma di baleno
s' azzurra il fiore del viso tuo antico.
- Non credi neppure nella Fine?
Danzo in fondo al torchio del dubbio
cullato nel bang remoto dell’Inizio
e goccia di te l' ombra mia torba
mentre scavo orbite speranze
nella spelonca dell'Aldiqua.
Circonfuso di riflessi paralleli
m' adagio sul ciglio del velo
al buio materno della tua trascendentale voluttà.

2 commenti:

martita ha detto...

buio materno è qualcosa di trascendentemente voluttuoso...
splendida immagine ciao marty

Atteone ha detto...

...come la voluttà può a volte essere qualcosa di maternamente buio... ti ringrazio... a presto...